A Casa di Lucia | ULTIME LETTERE DI JACOPO ORTIS
8
product-template-default,single,single-product,postid-25371,theme-bridge,bridge-core-1.0.2,no-js,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,side_area_uncovered_from_content,transparent_content,columns-4,qode-theme-ver-18.0.4,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

ULTIME LETTERE DI JACOPO ORTIS

Documento di una nuova sensibilità romantica, l’Ortis ebbe grande diffusione in Europa e ad esso si ispirarono in particolare coloro che combattevano la dominazione napoleonica e per le libertà nazionali.

Categoria:
Descrizione

Le ultime lettere di Jacopo Ortis è considerato non solo uno dei capolavori di Ugo Foscolo, ma anche il primo vero esempio di romanzo epistolare italiano. La storia è raccontata infatti attraverso le lettere che il protagonista Jacopo Ortis, ha inviato all’amico Lorenzo Alderani, che ne riporta la storia dopo il suicidio.

Il romanzo è considerato spesso parzialmente autobiografico: l’impeto romantico del giovane Ortis è infatti tipico anche di molti dei componimenti foscoliani. L’ispirazione chiara è comunque ai Dolori del giovane Werther di Goethe.

 

Illusioni! ma intanto senza di esse io non sentirei la vita che nel dolore, o (che mi spaventa ancor più) nella rigida e noiosa indolenza: e se questo cuore non vorrà più sentire, io me lo strapperò dal petto con le mie mani, e lo caccerò come un servo infedele.

× Ciao!